Breaking News: Giordano “Mi faccio da parte”

Dopo settimane di impegno e duro lavoro per cercare di garantire la sopravvivenza del calcio a Gragnano, la situazione della società è sempre più in bilico. Ancora una volta compito di Alfonso Giordano, socio storico del sodalizio gialloblù, ragguagliare tutti i tifosi e gli appassionati, in esclusiva per il portale ufficiale del club.

Temo che la situazione sia arrivata ad un punto di non ritorno. Ci sono state in questi ultimi giorni delle trattative molto serrate con un gruppo di investitori ma alla fine, pur con la buona volontà di entrambe le parti in causa, non siamo riusciti a trovare la quadratura del cerchio. Le chance di un possibile ripescaggio in Serie D sono terminate ed anche per quanto riguarda una possibile iscrizione al Campionato di Eccellenza i tempi sono sempre più stretti. Purtroppo in queste settimane ho anche toccato con mano come, legittimamente o meno questo lo faccio decidere a chi ci legge, nessun gragnanese abbia fatto un reale passo per il bene della squadra di calcio del proprio paese. Se non c’è passione e non c’è trasporto, probabilmente vuol dire che non ne vale la pena. È con profondo rammarico quindi che personalmente mi tiro fuori, fermo restando che ribadisco come il titolo sia a disposizione di chiunque voglia portare avanti il progetto. Ringrazio comunque tutti coloro, purtroppo in pochi, che hanno provato ad aiutarmi a concretizzare quella che, in fin dei conti, si è dimostrata un’utopia”.

Ufficio Stampa ASD Città di Gragnano

Breaking News: Giordano “Situazione delicata”

In questi giorni sono proseguite ininterrotte le iniziative dei rappresentanti del sodalizio gialloblù alla ricerca di una soluzione che permetta al club di continuare il proprio percorso.

In esclusiva per il portale ufficiale, Alfonso Giordano ha inteso ragguagliare tutti i tifosi gragnanesi. “La situazione purtroppo è sempre più delicata. Stiamo provando a coinvolgere alcuni partner per riuscire a far sopravvivere il calcio a Gragnano ma fino a questo momento non abbiamo avuto riscontri positivi. Voglio rinnovare l’appello a tutti i gragnanesi affinché facciano sentire la propria vicinanza alla società per iniziare insieme a scrivere una nuova storia per il nostro club. Per questo motivo, anche in occasione dei prossimi due eventi di “Gragnano Enogastronomica” (22-23-29-30 giugno ndr), installeremo delle postazioni per dare a tutti la possibilità di contribuire. Come ho detto in precedenza il momento è serio, occorre capire se questa città davvero vuole continuare ad avere una squadra di calcio con tutto ciò che ne consegue in termini di aggregazione ed educazione allo sport, valori sempre più complicati da coltivare ai giorni nostri, soprattutto in una realtà come Gragnano. Noi ci siamo, stiamo dando il massimo. Siamo pronti anche a farci da parte se qualche imprenditore gragnanese dimostrasse la volontà di gestire la società in autonomia. Nessuno di noi ne fa una questione di orgoglio, vogliamo soltanto che Gragnano non perda anche la sua squadra di calcio“.

Ufficio Stampa ASD Città di Gragnano

Breaking News: “Un Nuovo Inizio”

Come preannunciato nei giorni scorsi da Alfonso Giordano, socio storico del sodalizio gialloblù, la società si è attivata per predisporre delle postazioni utili a tutti i gragnanesi, appassionati e non, per dare il proprio contributo a quello che si propone di essere come davvero un nuovo inizio per il club.
 
Le postazioni saranno allestite sabato sera e domenica sera, 15 e 16 giugno, in concomitanza con la “Festa della Ciliegia” in via Roma, nell’ambito dell’iniziativa “Gragnano Enogastronomica”, e domenica mattina, 16 giugno, presso Piazza Giacomo Matteotti, Piazza Guglielmo Marconi e Piazza Aubry.
 
Insieme per un “Nuovo Inizio”, noi ci crediamo!
 
Ufficio Stampa ASD Città di Gragnano

“L’Intervista”: Alfonso Giordano

Seppur sotto traccia, proseguono senza sosta le attività dei rappresentanti del sodalizio gialloblù per tentare in tutti i modi di continuare il progetto sportivo che in questi anni ha visto il Gragnano protagonista in Serie D. Al portale ufficiale della società, Alfonso Giordano, uno dei soci “storici”, ha delineato la situazione attuale, provando a chiarire quali saranno i prossimi passi da compiere.

Innanzitutto mi corre l’obbligo di ringraziare tutti coloro che nella scorsa annata calcistica, ognuno nel proprio ambito, si sono impegnati al massimo per tenere alto l’onore della nostra società. In particolar modo voglio ringraziare il tecnico Rosario Campana, una grande persona ed un amico oltre che un allenatore, a mio avviso, di categoria superiore. Ovviamente è ancora forte il rammarico per la retrocessione, un epilogo amaro che per gli sforzi profusi non avremmo meritato ma dobbiamo accettare il verdetto del campo”.

Lo sguardo della società è però rivolto al futuro.

Assolutamente, bisogna sempre guardare al futuro ed a ciò che si può costruire. Rispetto allo scorso anno ci sono alcuni soci, in primis Vincenzo Martone, che hanno deciso, legittimamente, di non proseguire quest’avventura. Vincenzo è una persona cara che ringrazio per tutto ciò che ha fatto in questi anni. È stato una figura chiave, senza la quale probabilmente non saremmo riusciti a fare ciò che abbiamo fatto. Sia io che Paolo Scagliosi invece stiamo cercando di fare il possibile per continuare questo progetto, mettendoci come sempre innanzitutto la faccia, poi la nostra passione e le nostre possibilità economiche. Da soli però non abbiamo le risorse necessarie per poter andare avanti”.

Fondamentale dunque, forse mai come questa volta, sarà il supporto concreto di Gragnano e dei gragnanesi.

Si, inutile nascondere che il momento è davvero molto delicato. In questi giorni sto cercando di organizzare le prossime mosse ma, a prescindere dalla categoria (che sia la Serie D tramite ripescaggio oppure l’Eccellenza ndr), è vitale che ci vengano in soccorso i gragnanesi, i nostri tifosi, gli imprenditori del nostro territorio. Un aiuto che sarà certificato, all’insegna della serietà e della trasparenza. Tramite alcuni volontari nei prossimi giorni appronteremo una raccolta di risorse che sarà appunto certificata e trasparente. Se non dovessimo riuscire nel nostro intento di salvare la società, queste risorse, lo garantisco in prima persona, verranno devolute per la festa della Madonna del Carmine”.

Appoggio della piazza ma non solo.

Stiamo provando ad avvicinare vari imprenditori che abbiano le capacità per affiancarci e creare qualcosa di utile e positivo. C’è qualche persona, non di Gragnano, che ha manifestato il proprio interesse e prossimamente verificheremo se sarà fattibile avviare una collaborazione proficua. Il tempo stringe, entro un paio di settimane dovremo risolvere tutto e ci sono varie pendenze che gravano sul nostro bilancio. Purtroppo, lo sottolineo ancora una volta, per una gran parte queste pendenze non sono ascrivibili al nostro operato ma a quello della gestione di Carmine Franco nel 2016/2017. Molte questioni economiche di quell’annata le abbiamo risolte con i diretti interessati ma ve ne sono ancora alcune che limitano le nostre possibilità di azione. Errori del passato che paghiamo ancora oggi e stavolta rischiamo di pagarli davvero carissimi”.

Insomma la speranza c’è ed è, come si suole dire, l’ultima a morire.

Occorre sempre sperare che le cose possano volgere al meglio. Io personalmente sono da quasi vent’anni coinvolto, direttamente e non, nella gestione del Gragnano Calcio e farò di tutto affinché questo progetto, questo sogno, non termini in questa maniera, con una retrocessione. Per quanto concerne l’eventuale cessione del titolo, ad oggi non ci sono piste concrete ma solo ipotesi. Noi però faremo la nostra parte per continuare nella nostra città, è la priorità. Abbiamo bisogno dell’aiuto di tutti perché l’auspicio è che si possa davvero costruire qualcosa che non sia utile solo agli sportivi ma a tutta la cittadinanza. Viviamo in un periodo storico in cui è difficile riuscire a fare qualcosa per i nostri figli, per i ragazzi che sono il nostro futuro. Noi abbiamo in mente qualcosa di speciale, di alimentare tante altre attività al pari di quella calcistica, sia riferibili alla cultura orientale che occidentale, per fare in modo che Gragnano possa rappresentare un punto di riferimento per i giovani del comprensorio. Fiore all’occhiello dovrà essere anche l’apertura al calcio femminile che non è così diffuso nel territorio ma ha enormi potenzialità. Il tutto assolutamente non a scopo di lucro ma solo per riuscire a contribuire a fare il bene del nostro paese. Questo è un mio piccolo sogno che spero che in tanti possano condividere per poterlo rendere presto realtà. Ne ha bisogno Gragnano, ne abbiamo bisogno noi gragnanesi”.

Ufficio Stampa ASD Città di Gragnano 

Comunicato Ufficiale

Nella giornata di ieri, lunedì 20 maggio 2019, l’attuale proprietà dell’ASD Città di Gragnano ha provveduto ad attivare, di concerto con il Sindaco Paolo Cimmino, un tavolo istituzionale affinché chiunque sia interessato a proseguire l’attività sportiva, possa subentrare e dedicarsi all’organizzazione della prossima stagione sportiva 2019/2020.

A decorrere dalla data del 4 giugno 2019, in mancanza di soggetti interessati, la proprietà provvederà a trovare la migliore soluzione possibile per garantire i propri interessi, senza precludersi alcuna ipotesi, finanche il trasferimento del titolo sportivo.

L’auspicio della scrivente è che quest’atto formale rappresenti l’inizio di un percorso che, con la fattiva collaborazione dell’amministrazione, renda possibile la prosecuzione dell’attività calcistica sul territorio, unico desiderio di tutti coloro che, in questi anni, hanno profuso impegno e risorse nel progetto sportivo “A.S.D. Città di Gragnano”.

Ufficio Stampa ASD Città di Gragnano

AC Nardò – ASD Città di Gragnano 3-1

Al “Giovanni Paolo II” il Nardò batte 3-1 il Gragnano.

Al vantaggio di Mingiano al 30′ del primo tempo ha risposto la rete di Gassama sul finale della prima frazione. Nella ripresa le marcature di Cassano (11′) e Molinari (32′).

In virtù di questo risultato il Nardò conferma la categoria mentre il Gragnano retrocede in Eccellenza.

Termina così un meraviglioso viaggio durato ben quattro anni. Un finale amaro che non cancella gli sforzi e l’impegno profusi in questi anni da tutti coloro che hanno abitato l’Universo gialloblù.

La speranza, l’auspicio, è che questo possa essere solo un “arriverderci”.

 

AC Nardò – ASD Città di Gragnano 3-1

Marcatori: 30′ pt. Mingiano (N), 43′ pt. Gassama (G), 11′ st. Cassano (N), 32′ st. Molinari (N)

AC Nardò: Rizzitano, De Pascalis (dal 39′ st. Frisenda), Cassano, Aquaro (C), Versienti (dal 31′ st. Giglio), Bolognese, Mingiano, Kyeremateng (dal 46′ st. Palmisano), Centonze, Arario (dal 9′ st. Prinari), Gigante (dal 27′ st. Molinari). A disp.: Mirarco, Scipioni, Monopoli, Infusino. All.: Francesco Bitetto

ASD Città di Gragnano: Russo, Padovano (dal 21′ st. Ruocco), Elefante (dal 34′ st. Piscopo), La Monica, Chiariello, Cavaliere (dal 15′ st. Achaval), Tascone (dal 34′ st. Qehajaj), Martone (C), Di Costanzo (dal 13′ st. Ammendola), Gassama, Lopetrone. A disp.: Sorrentino, Grimaldi, Minale, Procida. All.: Rosario Campana

Arbitro: Simone Galipò (sez. AIA di Firenze)

Assistenti: Marco Toce (sez. AIA di Firenze) e Santino Spina (sez. AIA di Palermo)

Ammoniti: Versienti (N), Prinari (N), Molinari (N), Palmisano (N), Cavaliere (G), Padovano (G), Chiariello (G)

Espulsi: al 13′ st. Martone (G) per doppia ammonizione, al 38′ st. La Monica (G) per rosso diretto

Note: Corner: -. Recupero: 4′; 5′. Spettatori: -.

Ufficio Stampa ASD Città di Gragnano – Gennaro De Stefano

Nardò – Gragnano, la partita della verità

Una partita. Novanta minuti o forse centoventi per emettere un verdetto, l’ultimo della stagione.

Una sfida complessa, difficile, che il nostro Gragnano affronterà come sempre con massimo impegno e massima concentrazione ma anche con la folle incoscienza di un gruppo giovane e motivato.

Onore a chi oggi sarà a Nardò per sostenere un’ideale ma anche a chi sarà lontano e palpiterá fino al triplice fischio finale ed oltre.

Onore a chi, società e staff, tra mille difficoltà è riuscito con caparbietà a creare le condizioni per conquistare l’opportunità di compiere una nuova impresa.

Onore a chi in campo ha sempre dato tutto sé stesso, onorando la maglia che indossa e che anche oggi farà altrettanto per fare in modo che questo meraviglioso viaggio, che dura da quattro anni, non termini. Oggi è il giorno della verità e tutto il popolo gialloblù è con voi.

“Forse chissà succederà…”

Ufficio Stampa ASD Città di Gragnano – Gennaro De Stefano

Breaking News: verso Nardò – Gragnano

 
Secondo giorno di allenamento per i gialloblù al “San Michele” in questa settimana che porterà il Gragnano alla sfida contro il Nardò.
 
Al “Giovanni Paolo II“, con calcio d’inizio alle ore 16, le due formazioni si contenderanno il diritto di permanenza in categoria in un playout che si preannuncia all’insegna dell’equilibrio. Entrambe le gare in stagione infatti sono terminate in parità, a reti bianche al “San Michele” e 1-1 a Nardò con Gassama in rete per i gialloblù.
 
Ricordiamo velocemente il regolamento dei playout stabilito dalla Lega Nazionale Dilettanti.Le formazioni perdenti retrocederanno in Eccellenza. In caso di parità al termine dei tempi regolamentari e degli eventuali supplementari, retrocederanno le squadre col peggior posizionamento in classifica.
 
Un solo risultato quindi per i nostri ragazzi: la vittoria! Che sia nei novanta regolamentari o al termine dei supplementari.
 
Come da puntuale comunicazione della società ospitante, i tifosi gialloblù potranno acquistare il tagliando della tribuna ospiti, al costo di 5 euro, direttamente domenica dalle ore 14:45 al botteghino del “Giovanni Paolo II“.
 
Ufficio Stampa ASD Città di Gragnano – Gennaro De Stefano

SSCD Granata 1924 – ASD Città di Gragnano 0-0

Termina 0-0 al “Vallefuoco” di Mugnano di Napoli tra Granata e Gragnano.

In virtù dei risultati dell’ultima giornata, il Gragnano termina la stagione regolare al sedicesimo posto con trentatré punti ed il 12 maggio sarà impegnato nella gara di playout al “Giovanni Paolo II” di Nardò.

È il momento di serrare i ranghi e stare vicini ai ragazzi per completare l’ennesimo miracolo a tinte gialloblù. Forza ragazzi!

 

SSCD Granata 1924 – ASD Città di Gragnano 0-0

SSCD Granata 1924: Marino, Sozio, Della Monica, Falivene, Sorrentino F. (dal 22′ pt. Gaveglia, dal 44′ st. Romano), Rinaldi (dal 29′ st. Prevete), Castagna (dal 20′ st. De Crescenzo), Tufano (C), Esposito, Calemme, Arciello. A disp.: Capezzuto, Bianco, Gargiulo. All.: Antonio Maschio

ASD Città di Gragnano: Russo, Padovano, Grimaldi (dal 44′ st. Minale), La Monica, Chiariello, Tascone (dal 26′ st. Di Costanzo), Procida (dal 31′ st. Qehajaj), Martone (C), Achaval (dal 16′ st. Cavaliere), Gassama, Lopetrone. A disp.: Sorrentino A., Cipolletta, Ammendola, Piscopo, Ruocco. All.: Rosario Campana

Arbitro: Giorgio Vergaro (sez. AIA di Bari)

Assistenti: Rodolfo Spataro (sez. AIA di Rossano) e Antonio Paradiso (sez. AIA di Lamezia Terme)

Ammoniti: Tascone (Gra), Falivene (Grn), La Monica (Gra)

Note: Corner: 6-4. Recupero: 2′; 5′. Spettatori: 100.

Ufficio Stampa ASD Città di Gragnano – Gennaro De Stefano

Breaking News: la vigilia del Gragnano

Una fitta pioggia ha accompagnato stamattina i gialloblù impegnati al “San Michele” nell’allenamento di rifinitura in vista della sfida di domani contro il Granata al “Vallefuoco” di Mugnano di Napoli.

Una gara fondamentale per decidere il posizionamento finale in classifica e conseguentemente gli accoppiamenti per i playout, match per il quale il tecnico Rosario Campana recupera il difensore Simone Ammendola che, domenica scorsa in occasione della partita con il Francavilla, ha scontato la giornata di squalifica comminata dal Giudice Sportivo dopo l’espulsione rimediata a Vallo della Lucania.

Il Granata, allenato da Antonio Maschio, occupa il diciottesimo posto in classifica con tredici punti in virtù di tre vittorie, quattro pareggi e ventisei sconfitte. Ventuno le reti realizzate e settantaquattro quelle subite. Sette i punti conquistati in casa e sei invece quelli totalizzati in trasferta. All’andata al “San Michele”, il 23 dicembre 2018, il Gragnano si impose per 3-2 grazie alle reti di Gassama, Procida ed Achaval. Per gli ospiti marcature di Prevete e Castagna.

La direzione della gara del “Vallefuoco” è stata affidata al Signor Giorgio Vergaro della sezione AIA di Bari. Venti le partite di Campionato di Serie D arbitrate dal fischietto barese questa stagione con settantacinque ammonizioni, due espulsioni, di cui una diretta, e quattro rigori concessi. Un solo precedente nel Girone H, proprio con il Granata coinvolto, la vittoria 2-0 del Nola il 13 gennaio 2019.

Il primo assistente sarà il Signor Rodolfo Spataro della sezione AIA di Rossano Calabro ed il secondo sarà il Signor Antonio Paradiso della sezione AIA di Lamezia Terme.

Ufficio Stampa ASD Città di Gragnano – Gennaro De Stefano